13 maggio 2013

Festa della Mamma, ovvero la Rivincita dei Post Tardivi

Bon...
L'idea è più o meno questa.
Perché pubblicare il post destinato alla festa della mamma proprio il giorno della festa della mamma?
Si rischia che vada smarrito tra tutti gli altri post che, diciamocela tutta, hanno delle foto migliori, sono scritti meglio e, soprattutto, hanno davvero qualcosa da dire.

Ecco la furbata!

Lo facciamo il giorno dopo che così si nota di più.

No, non è vero. Non ci sono riuscita a farlo prima. Siamo partiti sabato e io fino a venerdì non avevo combinato una cippa (non che poi abbia fatto chissà che, sia chiaro. Anzi. E' meglio che saltiate questo post inutile e andiate subito a controllare le previsioni del tempo per il fine settimana. Già fatto? Sarà ancora brutto, ovviamente. Vabbè, allora rimanete qui con me).

Ho cercato fino all'ultimo di convincere almeno uno degli uomini della mia famiglia a farmi un regalo.
Ora, io non sono un uomo. Edoardo ha due anni.
La scelta ovvia ricadeva su Luigi che però giudica queste feste "commerciali" e quindi secondo lui sono solo fuffa.

Sarà anche vero... però però.
Almeno un fiore. Andava bene anche il mazzo di ortiche che raccolse Sandra (senza l'ape, che ormai si fa una fatica a trovarle. Anzi, il vero regalo sarebbe proprio l'ape).

Dove ero rimasta? Ah si.  (ma perché mi perdo sempre in chiacchiere?)
Un regalo per la festa della mamma.
Me lo sono fatto io, da sola.

Il giovedì che sono andata al Lidl per comprare le bolle di sapone


(qui abbiamo un debole per le bolle, ho provato a farle da sola ma vengono una porcheria. Ci metterò la glicerina, che il miele come stabilizzante non funziona. O forse sbaglio le dosi? Non so...)  ho visto una distesa di piantine di roselline rosse. Bellissime, davvero.


Poi mi sono fatta un bigliettino


e poi uno per la mia mamma.

Uno per la mamma di Luigi (che se aspettiamo lui)...


...e la zia?
Quando è la festa della Zia? E chi lo sa. Io ho deciso che fosse domenica. Insieme a quella della mamma (e infatti ho preso le roselline anche per la zia).


Ora attendo fiduciosa che Edoardo vada all'asilo. Così potrò iniziare la mia personale raccolta dei Lavoretti per la Festa della Mamma (sperando che non vengano realizzati solo con i rotoli di carta igienica, vero Stefania?).

§§§

A proposito dei regali che non mi fa Luigi, vi racconto questo aneddoto che mi è tornato in mente giusto oggi che ero a pranzo con le colleghe.

Quando nacque Edoardo (aprile 2011) mi aspettavo un regalino da mio marito. Insomma, mi pare che si usi.
Trascorso un mesetto durante il quale lo guardavo fiduciosa chiedendo con gli occhi stellati "dov'è dov'è" e ricevevo come risposta


ho pensato: a quest'uomo serve un aiutino!

Al che buttavo là qualche messaggio subliminale. Del tipo.

Ma guarda quanto è strano! Adoro l'ametista e non possiedo assolutamente niente che monti questa pietra (non è che vado matta per i gioielli, e li porto pure poco, ma l'ametista mi piace sul serio).

Lui


Ecco.
C'è da dire che per mio marito il suono "Ametista" non ha nessun significato.
Potrei aver detto sgrangogno, oppure derintrgoalgu, che ho ottenuto digitando a caso sulla tastiera. E' uguale.

Ametista potrebbe essere:
- la classe a cui appartiene una pianta grassa;
- un piatto tipico sudamericano;
- il nome della ex badante di mia suocera.

Un giorno l'ho visto al piccì e, sbirciando casualmente alle sue spalle, ho letto che cercava la parola "ametista".

Ho pensato è fatta!

Evviva. Evviva! Sono un genio.

Infatti il giorno del battesimo di Edoardo ho ricevuto questi


Puf. Tutta la mia genialità è sparita in un lampo.
Ho deglutito ricacciando in gola un gemito di disappunto e ho chiesto "gentilmente":

Scusa. Ma tutto quel cine sul piccì... Non avevi capito che volevo una ametista?

Lui: questa E' una ametista

Io: se non hai capito cosa volevo me lo potevi chiedere. L'ametista è viola. Non prendermi in giro.

Lui: me lo ha detto il gioielliere. Questa E' una ametista.

Io: ti ha fregato. Adesso gliela riporti indietro.

Al che ne è seguita un pochino di maretta fino a che ho scoperto che si, esiste l'ametista gialla.

Ovviamente io ho chiesto scusa, mortificata e ho detto che era davvero bellissima.

In conclusione, anche se a caval donato ecc. ecc. io continuo a preferire quella viola e, nonostante tutto, non ho ancora capito come ottenere un regalo senza richiedere espressamente quello che mi serve, altrimenti non mi sarei dovuta comprare da sola le roselline. Giusto?

Lo so... lo so. Sono bieca e meschina.
E' vero!

PS: Se volete fare i tulipani di cartoncino li trovate qui.

PPS: Con le ortiche ci si cucina un risotto speciale. Anche il "pasticcio" viene che è una favola!

§§§

Con questo post partecipo alla raccolta di Maggio di 
e alla
con molto piacere!

46 commenti:

  1. Ma sai che nemmeno io avevo mai visto l'ametista gialla?
    Comunque, se ti può consolare...io di uomini in casa ne ho tre e cresciutelli...ma di regali neanche l'ombra!
    Pazienza, farò come te...me lo comprerò da sola..
    Buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco... allora mi consolo un pochino, dai ^^
      Grazie del commento Carmen

      Elimina
  2. Ciao, se ti fa piacere vieni a partecipare al mio giveaway ^_^
    Giveaway Nail art by Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'invito Rachele.
      Stasera mi studio bene le regole ^^

      Elimina
  3. Sei un uragano!!!... ^_^
    Pure i regali da sola ti tocca farti!!!...
    Una buona settimana!!!
    Vale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La settimna sta per terminare...
      Post tardivo, risposta tardiva.
      Grazie Vale!

      (la prossima volta che passi per Pordenone magari me lo dici!)

      Elimina
  4. Io per la nascita della mia prima figlia ho ricevuto l'abbonamento a Topolino per un anno...però in realtà lo desideravo! Lena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono abbonata a Topolino da sempre!

      Diciamo che la mia cultura classica si basa sulla banda Disney ^^

      Elimina
  5. Ametista gialla!!Non lo sapevo neanch'io!Che fregatura!!Certe persone non li afferrano proprio i messaggi subliminali prima di natale e dei compleanni,mia mamma è sempre stata così.Per fortuna che mio marito ci pensa da solo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Donna fortunata!
      Ora passo a trovarti per aggiornarmi sul tuo viaggio favoloso :D

      Elimina
  6. Ametista gialla? mai sentita e vista...è vero non si finisce mai di imparare. comunque i tulipani sono una bella idea :D
    notte

    RispondiElimina
  7. bellissima la collana, che bella idea i tulipani!:)
    p.s. ho profumato la pasta di mais con qualche goccia di essenza di rosmarino! a presto simona.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona!
      Ho appena visto la tua famiglia di gufetti in pasta di mais!

      Grazie per le dritte!

      Elimina
    2. Gufetti???????? Dove?

      Elimina
  8. evviva!! però, a mio parere, questi piccoli autoregali..andrebbero fatti più volte l'anno!

    RispondiElimina
  9. Ma come puoi avere un'etichetta "stupidaggini"??? Solo tu...

    Veniamo a noi... anche qui calma piatta dall'homo erectus (sapiens in questi casi è sprecato), mentre i due piccoli ci hanno dato dentro e cuore di mamma apprezza sempre.

    P.S. te lo devo dire io che i tulipani valgono come PIN di maggio?????????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sono stupidaggini.. come si fa a definirle diversamente? ^^

      Senti, ma lo metto come pin anche se non l'ho pinnato (almeno, mi pare) o lo aggiungo ai pin dopo averlo fatto...?

      Dilemma

      Elimina
    2. Per i PIN: non c'è mica un notaio che controlla... se tu dici che ti sei ispirata è come se avessi pinnato, se poi per rimediare vuoi pinnare adesso fallo, ma non è indispensabile.
      Invece aggiungi qui l'etichetta 1 Pin al mese. :-)

      Elimina
    3. AH, giusto per la cronaca, ho consultato il mio gioielliere di fiducia (mio marito) e ha confermato che hai ragione tu: non esiste l'ametista gialla!!!
      Quello è un QUARZO CITRINO!
      Anche l'ametista fa parte dei quarzi, ma appunto la sua caratteristica è di essere viola!

      Elimina
    4. Stasera glielo faccio leggere!
      Grazie :D

      Elimina
  10. le roselline sono belle, ma i tulipani sono davvero STUPENDI!
    Gli uomini, si sa, non sono pratici di date, ricorrenze, regali... Io alla nascita di Leo ho espressamente chiesto cosa volevo e, anzi, ho chiesto di poter scegliere personalmente...è vero che è poco romantico, ma in fin dei conti (visto che sono pur sempre spese) volevo qualche cosa che davvero mi piaceva! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene!
      A volte è meglio essere pragmatici e tenere il romanticismo per altri momenti ^^

      Elimina
  11. Cado dal pero anche io per l'ametista gialla! Paolo invece è stato minacciato di morte per quei fiori e ho iniziato il pressing una settimana prima, tipo che di notte, mentre lui dormiva, io lo subliminavo sussurrandogli all'orecchio "ricordati i fiori per tua moglie ricordati i fiori per tua moglie!!!", finchè non si girava con un grugnito e lì capivo di aver raggiunto il subconscio...solo che poi la cosa mi deve essere sfuggita di mano e a me ha preso i fiori mentre per la sua mamma ("adoratisssssima" suocera...) quel tripudio d'orchidea viola e fucsia: quindi l'anno prossimo o tutti o niente!!! Per i lavoretti (bello il biglietto tulipano!): ringrazia lassù che Edoardo è maschio, perchè almeno i regali li terrai tu! Lucia, infatti, mi ha dato la poesia, ok, ma si è tenuta il braccialetto e non me lo lascia neanche morta: l'ha fatto lei, me l'ha fatto vedere, ma E' SUO e non lo molla!!! Ehhh, i bei rovesci della medaglia! Buona giornata anche da qui! Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, la minaccia di morte non l'avevo ancora considerata.
      Buona idea per il prossimo anno!
      ^_^

      Guarda che anche per Edoardo tutto è suo (anche gli scivoli nei parchi, i giocattoli nei negozi, i detersivi...)
      Spero che cambi un pochino quando andrà all'asilo.

      Elimina
  12. Se penso che quando sono nata io mio papà si è presentato a mia mamma con un paio di orecchini con piccoli brillanti e lei glieli ha fatti restituire al grido di: "non sono mica una macchina per far bambini, mica mi devi pagare!" Ma erano gli anni settanta ed eravamo in pieno femminismo!

    RispondiElimina
  13. Come ti capisco per i messaggio subliminali, io ci provo sempre per Natale, ma niente. Addirittura quest'anno, il giorno dell'antivigilia, mentre eravamo in macchina per raggiungere Milano per le feste, mio marito mi fa: "Non sapevo cosa regalarti così non ti ho preso niente, mi vuoi bene lo stesso?" Dopo qualche minuto di mutismo la mia risposta è stata: "I negozi sono aperti anche domani, a Milano il regalo che voglio io lo vendono qui qui e qui, hai tutta una giornata per trovarlo e se non sai la strada fatti aiutare da mia mamma"
    Risultato: un bel pacchettone con la mia pentola a pressione digitale Lagostina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortissima anche tu!

      (che strano, anche mio marito nel dubbio non fa niente. Mai che chieda prima)

      Elimina
  14. Anonimo13:02

    tardi per tardi arrivo tardi pure io a ringraziarti per la citazione e per questo meraviglioso post davvero ricco, i regalini per le zie che belli nessuno ci pensa mai alle zie!!! tu sei davvero una fuoriclasse
    ecco.
    ti abbraccio tantissimo sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tardi per tardi per tardi arrivo io finalmente a rispondere!
      Ti abbraccio tantissimo anche io!

      Elimina
  15. Belli i biglietti apribili a tulipano, brava!

    RispondiElimina
  16. Brava, un post dopo la festa può avere i suoi vantaggi! E che dire di quei biglietti tulipani? Geniali e molto belli!
    E grazie per i complimenti, davvero graditi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena :D
      (ovviamente l'idea dei biglietti non è mia. Ho messo il link nel post. Magari ce le avessi io queste idee!)

      Elimina
  17. Ahahahah, mi hai fatto ridere!!! Che bello questo post scritto come se parlassi "dal vivo" alle amiche!
    Dai l'ametista gialla non è proprio brutta (anche se anch'io preferirei quella viola) e per l'autoregalo e le roselline per tutte le "mamme di famiglia" compresa la zia...hai fatto benissimo.
    Dimenticavo: originalissimi i bigliettini, brava!
    Buon fine settimana
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna!
      Buon fine settimana anche a te ^^

      Elimina
  18. Che forza questo post... Bellissime poi sia le roselline che i bigliettini ;o) Ah, nemmeno io sapevo esistesse l'ametista gialla, deve essere molto rara, quindi molto preziosa, vedila così ;o)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, non avevo valutato questo aspetto (ma visto che è montata sull'argento non credo sia molto preziosa... ma non diciamolo a nessuno :D)

      Elimina
  19. Ecco...se fossimo vicine potremmo sferruzzare insieme.. buona domenica!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari cara Carmen, magari!
      Avrei un sacco di cose da imparare!

      Elimina
  20. Carissima, in fatto di regali pure mio marito non scherza, e non serve lanciare indizi, non capisce. Ora chiedo, 'amore per l'anniversario di matrimonio mi regaleresti quel....' e così stò tranquilla!
    Ti abbraccio forte tesoro ^_^
    Kri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e si, ma così mi scappa tutta la poesia.
      Però è l'unica soluzione, in effetti...

      Elimina

Grazie di cuore per avermi dedicato un po' del tuo tempo prezioso!
Risponderò non appena mi sarà possibile!