8 maggio 2013

Basta un poco di zucchero...

... e il burro, la farina, il latte, il lievito.

Nota bene

Il testo che segue l'ho scritto il 7 giugno 2009.
Facciamo un po' di amarcord.

Quando scrivevo che le torte "sono venute una figata" ci credevo sul serio.
Adesso, ovviamente, mi sembrano banali e mediocri (meno di mediocre cosa c'è?) ma all'epoca ne ero particolarmente fiera.
Quindi non una parola sull'argomento, compatitemi in silenzio.
Ah.. mi scuso sin d'ora per il linguaggio colorito.

Mi sono ricordata di questo post leggendo Alex che parlava di Muffin.
Non per vantarmi, ma i Muffin... quelli sì mi vengono una figata!

Tutto è iniziato quel dì.

(Rileggerò queste parole tra quattro anni e mi vergognerò profondamente di quanto ho scritto).

§§§

Prologo. Metà aprile mia sorella ci invita a casa "sua" (l'appartamento è mio, ma da quando mi sono sposata ci abita lei).

Cena in occasione del "lancio" della nuova campagna pubblicitaria sulla quale sta lavorando.

Io che sono tutta presa dai miei esperimenti con il marshmallow fondant dico:

Ti faccio una torta tutta decorata!! (fino ad ora ne ho fatte due, con risultati soddisfacenti.
Ma che cazzo dico?! Sono venute una figata!).

Lei: nonononononono... che non va bene. Non ci sta. Non è in tema con la serata.

Io: ...

Lei: ...

(wind, commossa, ringrazia)

Io: cosa vuol dire che non è in tema? E' un dolce. Si mangia.

Lei: nonononono... non va bene, perché siamo in piedi, siamo tanti, è una cosa "rustica".

Io: rustica?

Lei: ho fatto anche la frittata. Anzi, passa tu a prenderla dalla mamma prima di venire qua.

(della serie "ho fatto")

Io: cosa faccio allora?

Lei: bho...

(Mi viene in mente che tempo fa ho preso una teglia da muffin, da dodici.
Non so nemmeno perché, non li ho mai fatti)

Io: magari provo a fare i muffin (sottovoce).

Lei: SISISISISISI!!! Fai i muffin!!
Ciao!

Io: Ciao.

Nota. Le telefonate con mia sorella sono sempre così. Di solito ci parliamo a spizzichi mentre stiamo facendo tutt'altro. Siamo distratte dagli altri avvenimenti della vita.
Poi di solito arriva mia madre che, fatalmente, sente una di noi due al telefono subito dopo e riporta all'altra delle informazioni completamente diverse da quelle che credevamo di aver capito.
Questo ha generato non pochi equivoci che per essere risolti richiedono un secondo giro di telefonate (comprerò delle azioni della wind).
Fatta la premessa dovremmo aver imparato a prestare più attenzione a quello che ci diciamo al telefono. Invece no.

Torniamo ai muffin. Anzi... alla ricerca della ricetta dei muffin.
Ho quintali di libri di cucina a casa, ma mi ritrovo ad utilizzare sempre google.
Digito "Muffin" ed il primo risultato che appare è l'american muffin del sito Giallo Zafferano.
Leggo gli ingredienti. A parte il bicarbonato ho tutto.

La ricetta è semplicissima e non si può sbagliare nemmeno volendo.
Seguo alla lettera dosi e procedimento con l'unica differenza che a me di muffin ne vengono fuori 24 e non 12 (ho gli stampi piccini, evidentemente).
Non si sporca in giro e con due ciotole alla fine me la cavo. Bella 'sta ricetta!

In conclusione ne faccio 48. Uno lo assaggio, metà io e metà Luigi. Oserei dire PERFETTO.
Anzi, lo dico proprio! Perfetto. Senza timore di smentita!
(Il bicarbonato non è indispensabile).

Una spolverizzata di zucchero a velo e arriviamo al punto dolente.
Dove si mettono 47 muffin?

All'improvviso mi appare nitida la scena di Bree Van De Kamp con il suo cesto di dolcetti... oppure Charlotte che va a scusarsi con Samantha, dopo averle detto che la sua vagina è inclusa negli itinerari di New York, con un cesto di muffin.

Ho capito due cose:

1) guardo troppa televisione
2) mi serve un cesto!

Ed io lo ho!!

Lo ho il cesto. Una figata di cesto per di più. Bello alto, a cilindro, non uno di quei soliti cestini insulsi. Un cesto vero! "Il Cesto"!

Cerco della cotonina per rivestirlo ma non è il massimo, la fisso ai bordi. Sarà una cosa temporanea. Giusto per stasera.
Lo riempio di muffin. E' uno spettacolo.

Andiamo a prelevare la frittata (lascio in pegno un muffin alla mamma) e ci avviamo con i nostri 46 muffin nel Cesto.
Fortuna che non ho altre tappe.

Cena, chiacchiere, dvd e muffin.

Successone.

Epilogo.

Ecco... ora faccio muffin su commissione.

Ogni evento "mondano" che vede coinvolta la mia famiglia pare richiedere prepotentemente la presenza dei muffin.
Ho cominciato a provare anche altri ingredienti per gustose varianti (le goccioline di cioccolato fondente, le mandorle tritate, la vaniglia).
Ho comprato anche delle teglie con formati diversi.
La scorsa settimana ho preso della cotonina a quadretti vichy rossi e bianchi, per rivestire "Il Cesto". Il rivestimento doveva essere però removibile, per poterlo lavare, ovvio.

Il Cesto (sempre lui): eccolo oggi pronto a partire in trasferta.


Unico neo della situazione.... dover sempre dire:
"Ah, scusa. Il cesto me lo riporto a casa. Sai, ho solo quello!".


§§

Epilogo dell'epilogo.

Oggi ho quattro teglie da Muffin da 12.
Due teglie da Mini-muffin da 24.
Due teglie da Muffin a funghetto.
Due teglie da Mega-muffin.

Dite che sono sufficienti? 

Li lascio "al naturale" con la forma classica? 
Anche in versione mignon...


 ... o li faccio a Funghetto?

  
 Li ricopro con la crema di burro... (circa 14.053 kcalorie per ettogrammo di prodotto)?


oppure con altre creme all'assurdo gusto di bubble gum?


Comunque sia... sono sempre una figata!

 

Quasi dimenticavo... mi sono organizzata.
Quando vado in visita con i Muffin compro un cesto che poi regalo.
Il Cesto iniziale è sempre qui con me.
Si, lo so. Il rivestimento l'ho confezionato malamente. Il bordo doveva essere tagliato in sbieco. Rimedierò!

§§§
Con questo post partecipo al Linky Party # 54 di Alex


40 commenti:

  1. Ma questo non è un post è.. un romanzo, bello però..mi sono proprio divertita a leggerlo!!
    Ciao, un abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contenta che tu ti sia divertita !
      Un abbraccio anche a te ^^

      Elimina
  2. Anonimo14:01

    bel post davvero. Ma fai anche i muffin salati?
    come vorrei abitassimo vicine, ho un amico a s.vito al tagliamento, lavora nella filiale con la quale la mia ditta (nel senso che ci lavoro non che la posseggo) ha un collegamento di navette. Possiamo organizzarci? e' bello comodo avere un must per le cene fuori, quella cosa che comunque andrà non ci farà mai sfigurare. Chissà come mai a me dicono sempre "eh tu porta il vino!" baci sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò.. con i salati non mi sono ancora cimentata. Bisogna rimediare.

      San Vito al Tagliamento dista circa una trentina di km. Certo che possiamo organizzarci!

      Non serve che porti il vino. Basta che porti te stessa!

      Elimina
  3. Che spasso questo post!!! Comunque è vero, i muffin sono sempre spettacolari, il mio prossimo esperimento saranno quelli salati...
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il mio!
      Come scrivevo a Sandra non li ho ancora fatti.

      Elimina
  4. Uh, che meraviglia, io adoro i muffin e anche io mi diletto a crearne di tutti i tipi da qualche mese a questa parte, però devi svelarmi un segreto: come si fa la forma di funghetto? O i segreti di una cuoca non vanno mai svelati?
    Comunque, non saprei scegliere tra le varianti, mi piacciono tutti, perché non farne un pò di tutti i tipi? Diventa un lavorone?
    Non è mica così scontato regalare cesti a destra e a manca anche se contengono cibarie varie, eh, saresti la prima! E poi chi lascerebbe andare cesti così carini (ma anche meno carini, diciamocelo, vista la crisi...)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun segreto... e lo stampo dell'Ikea ^^

      Ho regalato cesti di dolcetti (e anche di frutta) a natale o quando vado a trovare qualche amico (anche se più piccoli di quello che vedi in foto).
      Devo dire che fa davvero piacere.

      Elimina
  5. anche io mi son tanto divertita a leggerlo:) bellissimi i muffins a funghetto:)

    RispondiElimina
  6. Che bello il cesto, ne vorrei uno anche io ma io di solito non porto mai muffin in regalo agli amici, perchè a mio marito NON piacciono. Mi tocca sempre ripiegare su una banale crostata. Comunque se cerchi accostamenti strani sul mio blog ne ho a decine per i muffin i primi anni ne facevo a tonnellate ora per colpa del suddetto marito li faccio raramente, li congelo e me li smangiucchio in solitudine.. sob. bacioni Kri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la tua crostata l'ho assaggiata e non è per niente "banale"!

      Elimina
    2. Grazie *arrossisco* ^_^

      Elimina
  7. Questo post è mitico!!!
    Il tuo cesto è praticamente la versione di un armadio 6 ante in vimini... altro che contenitore per muffins :-)
    E regalarlo sarebbe un delitto...

    Senti, allora ti aspetto nel we con la tua camionata di dolcezze, a noi paicciono tutte, di recente abbiamo adottato mele e uvetta, gnammmmmm!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è davvero grande.
      Me lo tengo da conto.

      Ormai il fine settimana è passato.... che facciamo, per la prossima?

      Elimina
    2. Tu non hai ancora capito che io sono una capace di prendere la macchina e venire lì, vero? :-)

      Elimina
  8. Ma questo post.... è una figata! prrrrrrrr :P

    RispondiElimina
  9. che buoni questi muffin:) e che bel post! ciao simona.

    RispondiElimina
  10. Hahahahaha.... Mi sto ancora sganasciando dalle risate!!!!!!..... Trooooppooo forte questo post!!!
    Ad ogni modo è proprio il caso di dirlo: i tuoi muffin sono una FIGATA!!! ^_^
    Vale ;)

    RispondiElimina
  11. Mi fai spisciare... ma lo sai che anche io riesco a meraviglia con qualsiasi ricetta trovata su quel sito?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero?
      Giallo Zafferano è sempre una garanzia!

      Elimina
  12. Io ho cominciato con un libricino e non ho più smesso, anche se quelli più gettonati sono sempre doppio cioccolato anche con varianti!
    Divertente il tuo post, e l'idea del cesto è una figata!
    Ciao Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grzazie!
      Ho appena visto il tuo "angolino creativo"!

      Elimina
  13. Che bella l'idea del cesto pieno di muffin!! :)

    RispondiElimina
  14. Ciao Sabrina, mi chiamo Daniela e arrivo a te da Alex Bonetto, grazie a cui stavo cercando di imparare come riordinare (almeno) il blog. Ho visto tra i commenti il tuo link e...eccomi qui! Mi sono aggiunta ai tuoi followers, sei bravissima e mi piacciono i progetti che fai e come li racconti! A presto! Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela.
      Ho letto alcuni dei tuoi post. Mi fai morire ^^

      Grazie a Alex quindi!

      Elimina
  15. Sono ancora piegata dalle risate!!! Fantastico post!! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Sono passata a trovarti. Il tuo blog è fantastico!

      Elimina
  16. bello il tuo post e....quando posso passare ad assaggiare un muffin?

    RispondiElimina
  17. Credo che tu l'abbia già notata, ma sto invitando una per una tutte le partecipanti alla Raccolta di Riciclo Creativo per Bambini... non puoi mancare!
    http://mammabook.blogspot.de/2013/05/porta-mollettine-viaggio-hairclip-holder-bird-riciclato-recycled-concorso-estate-mammabook-artefatti-riciclattoli.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono passata da te.
      Grazie per l'invito!
      Devo pensarci perchè è un po' complesso...

      Elimina
  18. Mi è venuta voglia di muffin! Bellissimo racconto <3

    RispondiElimina
  19. Felice di averti scoperta!
    Grazie per la tua visita e per le belle parole e grazie per partecipare al mio giveaway!
    A presto
    Donata

    RispondiElimina

Grazie di cuore per avermi dedicato un po' del tuo tempo prezioso!
Risponderò non appena mi sarà possibile!