3 dicembre 2014

La Piccola Poinsettia (Tutorial Farlocco)

Il Lidl sarà la mia rovina e ho già avuto modo di scriverlo più volte.

Ve l'ho detto che ho preso pure il pirografo?
No...? Strano, credevo di si.

In ogni caso l'ho preso (ci sto dietro da un paio di anni e ogni volta che usciva io ero distratta), ma non pensateci più perché oggi vi parlerò della Stella di Natale, o Poinsettia, che a me personalmente piace poco o niente ma mia madre la adora.

Se tanto mi dà tanto fra dieci anni vivrò circondata da Poinsettie.

La sfida con questa piantina è di farle rispuntare le brattee rosse l'anno successivo.
O meglio, la sfida ancora maggiore è quella di farla sopravvivere fino all'anno successivo, ma succede, io ne ho viste e ne sono testimone (non in casa mia).
Tutte però rigorosamente ricoperte di un florido fogliame verde.

Non ho la minima idea di quale sia il magico procedimento per far si che il miracolo accada.
Narra la leggenda di piante chiuse in luoghi oscuri o segregate in cantina durante la stagione estiva per far loro credere di essere in inverno.
Le stesse piante dovrebbero poi risorgere rosse e rigogliose giusto in tempo per il Natale successivo, imbrogliate nuovamente ed indotte a pensare di essere nella stagione calda.

No, non mi sono bevuta il cervello.
Mmmm, un po' si.
Arrivo al punto.

Nei negozi Lidl in questo giorni per 1 euro vendono queste piantine in versione Lilliput e io ogni volta che vedo le miniature cado nel vortice.

Ero tentata di comprarne un tot per farci i segnaposto per la Tavola di Natale ma ho pensato tra me e me:
"sii onesta, che possibilità hai di farle arrivare vive fino a Natale? Ma siamo sicuri che ci sia la radice in questo vasetto? Ma se non arrivano vive saranno per lo meno presentabili?"

(Spero davvero di averlo solo pensato mentre me ne stavo davanti all'espositore con due piantine in mano. Se attacco pure a parlare da sola è l'inizio della fine.)

Tutti questi "ma" mi hanno convinta però.
Ho preso solo quelle due e le ho adoperate per accompagnare dei regalini che ho fatto oggi a mia madre e a mia suocera.

Eccole qua.
Prima...

(bastano qualche ritaglio di carta da regalo, un po' di cellophane e un paio di nastrini).

... e dopo.
(la decorazione perché a me piace esagerare).

Si infilano giuste giuste nei sacchettini che l'anno scorso ho preso all'Ikea, ritrovati cercando le stelle dorate.
Avevo completamente dimenticato di averli in casa



 Capito ora Irene come mai Il magico potere del riordino è di vitale importanza?


14 commenti:

  1. Sai mia cara che soltanto una volta sono riuscita a farla vivere..
    Ora desisto!
    Un bacio serale!

    RispondiElimina
  2. Io ne ho ghiacciata una stupenda, regalo di un cliente, cacciandola in balcone. Bacio

    RispondiElimina
  3. Ogni tanto riesce anche a me di farle sopravvivere ma al massino sono durate due stagioni
    però è vero occorre metterle in luogo buio e spunteranno le magiche stelle rosse ....
    .. bellissima la tua confezione ... proprio tutta un' altra cosa ora .... bravissima
    buona giornata
    giusi

    RispondiElimina
  4. Sabrina, invece mia suocera, la poinsette l'ha tenuta su una veranda aperta esposta a sud (io vivo praticamente sul mare), e non solo è sopravvissuta, ma da qualche settimana ha anche le foglie rosse. Sta' che è una meraviglia… ecco volevo aggiungere qualche dato alla tua osservazione, un abbraccio

    RispondiElimina
  5. La Lidl è il tallone d'Achille di molte... se passo tra gli scaffali della parte centrale (dove c'è di tutto un po'....) non riesco a venire a casa senza aver trovato qualche stupidata!!!
    E poi nell'angolo dei fiori ci sono sempre tante belle occasioni: io vado matta per i tulipani e i giacinti!!! Bello il confezionamento della poinsettie, farai di sicuro contente mamma&suocera!!!

    RispondiElimina
  6. Io, che non ho il pollice verde, qualche anno fa, sono riuscita a farne sopravvivere una fino al novembre dell'anno dopo.Ovvio che un mese di vita in più non poteva durare!!! La tenevo in taverna e portandola in salotto, ha subìto uno sbalzo di temperatura perdendo tutte le foglie (sia quelle verdi che erano rispuntate che quelle rosse che si stavano aprendo). Inutile dire che ha fatto un volo nel bidone!! :-)

    RispondiElimina
  7. Esiste una persona su FB che ha come foto del profilo una stella di Natale sopravvissuta, rifiorita e ricolorata per tempo, e ha fatto tutto da sola la pianta, pare. Noi le facemmo ovviamente un mare di complimenti perchè sì, effettivamente è una pianta difficile da far sopravvivere (ma non per pollice nero, moltissimi esemplari arrivano in negozio già malaticci e destinati a sfiorire per sempre...). Io provo immensa soddisfazione quando le cose entrano giuste giuste nelle scatole o nei sacchettini "di recupero". Buona continuazione! Daniela

    RispondiElimina
  8. il mio pollice verde le fa seccare ogni anno, ma quello di mia mamma le fa durare tutto l'anno, io non so come lei fa...gli parlo ...mi ha detto ma non so forse il segreto è che mia mamma si chiama Natalina e indovina un po' è nata a ......?
    mah? ma anche quest'anno comprerò le mie al Lidol chissà?!
    se riesco a mantenerla viva te lo faccio sapere
    bella la tua composizione, e bello il pensiero di regalarla a mamma e suocera

    baci VAleria

    RispondiElimina
  9. Ahahah dunque a questo serve?! Continuaiamo a far entrare cose "magari-oggi-inutili-ma-sai-domani-chissa'" (questo quello che dico alla mia dolce metà ogni volta che gli porto a casa l'ennesima cianfrusaglia che ovviamente non ho pemsato per un secondo dove mettere :-D)
    Va bene Sabrina vai con il magico potere del riordino (che poi si trova tutto prima per fare confezioncine sfiziose come la tua con quello che si ha già! Yeahhhh)... però ora a richiesta un tutorial farlocco sul pirografo me lo.concedi vero? No perché è tra le varie cianfrusaglie che ho adottato e portato a casa dal Lidl e ancora mai usato! :-O Un bacione e grazie per la citazione... so soddisfazioni pure queste!

    RispondiElimina
  10. Bellissima idea regalo! Quasi quasi te la copiamo, anche se a noi servirebbe bianca da inserire in un bicchiere in vetro rosso decorato acquistato un tot di anni fa....proprio della serie: prima o poi sapremo a chi regalarlo!
    Il libro ci alletta, ma temiamo che con noi non possa funzionare...per 1000 cose che la mamma mette in ordine, la figlia ne tira fuori 2000...è che quando c'è l'ispirazione come si fa a reprimerla???

    RispondiElimina
  11. anche a me piace tantissimo! mia madre le sta facendo di carta così sicuramente terrà sempre i fiori! ^_^

    RispondiElimina
  12. Jekyll e Hyde a te fanno un baffo!
    Da un lato ti organizzi per sistemare casa con tanto di libri, dall'altro frequenti luoghi di perdizione come la Lidl.
    Chi sei veramente?
    Le mie stelle di Natale non sono mai arrivate a Santo Stefano!

    RispondiElimina
  13. Squitty hai tutta la mia solidarietà, le piante non hanno storia in casa mia. Riuscirei a far morire anche i fiori finti. E pensare che mia mamma sembra Nero Wolf, ha una certa quantità di orchidee e tutte, dico tutte, rifioriscono

    RispondiElimina
  14. Io per ora al pirografo ho resistito,anche se una volta ho preso un incisore che non ho ancora mai provato!!!
    Troppo carine le stelline così decorate!

    RispondiElimina

Grazie di cuore per avermi dedicato un po' del tuo tempo prezioso!
Risponderò non appena mi sarà possibile!