9 settembre 2012

La Foto della Domenica - Settembre/2


Ho da sempre la passione dei giocattoli che ho conservato e con il tempo si è trasformata in quasi collezionismo.

Ho tolto il "quasi" quando ho potuto permettermi di acquistare in autonomia.
In negozio prima, nei mercatini poi... ed infine ancora all'estero.

Di Barbie & C. vi ho già parlato abbondantemente.

Ricorderò per sempre la sensazione provata nel momento in cui scoprii l'esistenza di eBay.com.

Quando ero piccola riuscivo (non senza difficoltà) ad allestire stanzette arredate sopra l'armadio (così mia sorella non le poteva toccare) ed utilizzavo tutto quello che possedevo. E quello che non avevo lo costruivo con le scatolette di cartone.

Ovvio che io ho sempre pensato che i giocattoli, una volta rimasti soli, ne combinassero di tutti i colori.

Va da se che un film come Toy Story mi sia entrato subito dentro.

Il Woody che vedete in foto ha quasi 17 anni (si, diciassette!). Me lo sono comprato quando Toy Story è arrivato nelle sale italiane. Un film che si prestava particolarmente al merchandising.

In ogni caso Woody è assolutamente perfetto.

Non so se qualcuno di voi ci ha giocato, lo ha avuto o lo possiede ancora.

Dietro ha il cordino che si tira con l'anellino di plastica e dice queste  frasi:

"Sei il mio vice-sceriffo preferito!"
"Salute amico!"
"Mi chiamo Woody"
"Yee-haw, cowboy!"

Ogni tanto prendo uno dei giocattoli della  mia collezione e lo mostro a Edoardo... da subito ha manifestato grande entusiasmo per Woody. 
E' corso a prendere il Librottino di Toy Story 2 e me lo indicava tutto agitato.

Non si capacitava del fatto che era nel libretto ed era anche lì, in soggiorno con noi.

Allora ho inserito il DVD.

Meraviglia!

Edoardo non parla ancora, ma vi assicuro che sarebbe rimasto comunque senza parole.

Gli occhi gli brillavano e guardava il video, guardava il libretto e guardava Woody.

Lui è troppo piccino per un cartone animato intero. Ma gli sono bastati quei 5 minuti.

Adesso Woody è diventato uno dei SUOI giocattoli.

Probabilmente farò venire i capelli dritti ai collezionisti; magari qualcuno lo cerca questo Woody Parlante del 1996.

Ora viaggia per il giardino senza stivaletti (ho scoperto così che non ha i piedini) e con un bel segno di biro in faccia (poco male, quello lo toglierò con l'oxy). Il naso è anche un po' mordicchiato. Così come il cappello da cowboy.
I jeans sono sporchi di biscotto e succo di frutta.

Ma sapete una cosa?

Non mi dispiace affatto!


§§§

Con questa foto partecipo con tanto piacere alla raccolta di 
Foto della Domenica 


9 commenti:

  1. uuuhhh woody!!!!! Noi lo abbiamo avuto... babbo natale aveva portato a Dada quello in coppia con buzz che se li avvicinavi parlavano insieme, poi ha preso un colpo e si è rotta la testa, l'ho incollata e poi si è rirotta, l'ho incollata e si è rirotta di nuovo...alla fine purtroppo ci siamop arresi e ora è rimasto solo buzz..che peccatoooooooo!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Io sono molto gelosa delle mie cose e non o figli... comunque racconti con una tale naturalezza il fatto che Woody adesso sia SUO che si vede proprio che ci sono cose che vanno al di là dell'attaccamento per un oggetto.
    credo che tuo figlio apprezzi molto quel woody (e magari da grande ne apprezzerà di più il significato).. buon per lui che ha una bravissima mamma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che resista fino a che Edoardo sarà grande ^^

      Anche io ero molto gelosa dei miei oggetti.. ma mi sono resa davvero conto che cambia tutto.

      Orpo, la mia Barbie #4 non credo gliela presterò!

      Elimina
    2. Anch'io ero gelosa di tutte le mie Barbie, di tutti i loro vestiti, di camper, automobile e compagnia bella, come ero in generale e sono in generale gelosa delle mie cose. Ma mio figlio ha scardinato le mie convinzioni, il mio essere convinta che "questo non glielo darò mai, questo non lo toccherà ...". Le cose cambiano e questi, in fondo, sono solo oggetti. Io ho solo un maschietto e che senso ha tenere pentoline, pelouche, bamboline e tutto il resto chiuso in cantina in attesa di una femmina che, di certo, non arriverà più (confesso comunque che ho sempre voluto un maschietto!!!)? Così i giochi unisex (puzzle, giochi da tavolo, pelouche ...) e i libri li ho subito riciclati. Quello che era tipicamente femminile è stato o trasformato o distrutto ... più o meno ... o eliminato (mamma, questa è roba da femmine, non la voglio in camera). Così le mie bambole sono in una borsa in attesa di restauro. Le Barbie pure (quelle sono ancora sacre). Però, voglio dire, chi se ne frega? Lui si diverte, io pure e almeno queste cose non sono marcite in cantina!!!

      Elimina
  3. ce l'abbiamo anche noi....è stato regalato a mio figlio quando è uscito il film e non ha mai voluto eliminarlo

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. eh vabbè.. 16 e 3/4 ^__^

      Toy Story è uscito nel 1995.

      Elimina

Grazie di cuore per avermi dedicato un po' del tuo tempo prezioso!
Risponderò non appena mi sarà possibile!