20 marzo 2017

Tanti Auguri a Me (The Color Sisters - Sfida a Sorpresa)

17 commenti:
Venerdì scorso (si, venerdì 17 ma a me 'sta cosa mi fa un baffo perché ho San Patrizio dalla mia!) ho compiuto gli anni (*)

Un negozio delle mie parti ha mandato un messaggio (e pure una e-mail) per farmi gli auguri e invitarmi a passare a ritirare un regalino.

Visto che sono curiosa di natura ci sono stata (non è molto distante da casa mia) e mi sono vista consegnare un libretto per appunti e scarabocchi (o chesoio).

Sinceramente in borsa tra agenda (grandissima delusione la mia agenda di quest'anno) e kakebo ho lo spazio strettamente necessario per portafoglio, fazzoletti, burrocacao, chiavi e Pokémon quindi non avevo la minima idea di cosa farci, salvo poi pensare che si, ho un sacco di carta, scartoffie bigliettini che girano ma allora come mai mi ritrovo a fare la lista della spesa dietro uno scontrino?

Detto fatto mi sono decorata il quadernino.

Niente di che, un foglio di carta patterned, un po' di tape decorato e qualche mezza perla.


Poi l'interno è comunque "brandizzato" ma per scrivere qualche appunto al telefono o al computer e fare liste da strappare è più che sufficiente.


Ah, quasi lo scordavo...
Il libretto nasce così.
Senza offesa eh, siete stati gentilissimi a regalarmelo... ma io lo preferisco ora.


Questo piccolo progetto è stato realizzato per la Sfida Sorpresa di The Color Sisters.
Partecipate, mi raccomando, che è molto divertente (e rischiate pure di vincere un buono acquisto offerto dalla nostra Sponsor!).
Si tratta di un "Tic-Tac-Toe" che altro non è che il Gioco del Tris.
Potete scegliere tre opzioni a patto che si tocchino tra loro in orizzontale, verticale e diagonale (esattamente come nel Tris).
Io per la mia ho scelto "Cerchi - Fiori - Perle".
Voi quale preferite?

Dai, dai, dai che sono curiosa di vedere i vostri lavori!

http://thecolorsisters.blogspot.com/2017/03/sfida-sorpresa-14.html

(*) siete curiose di sapere quanti?
L'ho potete leggere qui.

Leggi tutto...
3 marzo 2017

Uscire dalla Zona di Conforto...

20 commenti:
La Comfort Zone nella psicologia comportamentale è una condizione mentale di sicurezza, dove tutto è rassicurante e noto.
Dove ti muovi a tuo agio, senza sorprese.

Che bello.

Però, mi dico, bisogna anche un po' buttarsi nella mischia sennò qui non si combina nulla (e il numero dei miei post lo dimostra ampiamente)...

... quindi mi armo di coraggio e mi iscrivo al Gioco organizzato dalle ragazze del Forum di A.S.I. (Associazione Scrappers Italia, della quale sono socia).

Il Gioco in questione si chiama Scrap-Mondo e consiste nell'andare alla ventura conquistando territori che hanno la peculiarità di essere delle branche di quello che è in generale lo Scrapbooking.

Ecco, secondo voi qual è stato il mio primo territorio assegnato?
Quello dei Layout.

Io non ho mai fatto un Layout.
E se non lo ho mai fatto un motivo ci sarà, giusto?

In ogni modo ne dovevo preparare tre prima di spostarmi in una zona a me più congeniale e li ho fatti con le buone e con le cattive (soprattutto con la seconda che ho scritto).

Una serie di eventi che non vi sto a raccontare (ormai ne ho infilati una lunga serie) mi ha portato a arrivare all'ultima settimana e non ho avuto il tempo materiale di studiare cosa fossero di preciso questi famigerati Layout (LO).
Beh si, ne ho visti parecchi e ammiro volentieri quelli degli altri.
Sono tutti così armoniosi e ben organizzati... i miei no.

Quindi se volete imparare come NON si fa un LO continuate a leggere questo post.

Nel Primo ho raccolto gli skypass del corso di sci che ha fatto Edoardo a febbraio (si è concluso domenica che ha portato a casa un bel diploma e pure la medaglia! È davvero bravo e non lo dico perchè sono di parte; naturalmente l'unica inetta della famiglia in ogni ambito sportivo ora rimango io e mi devo dare parecchio da fare per rimettermi in pari).


Nel Secondo ho messo a confronto le due foto che già vi avevo mostrato prima di Natale...





Il Terzo invece raccoglie il biglietto e una delle foto scattate alla Mostra "Dinosauri. Giganti dall'Argentina" (che si è tenuta di recente a Padova).


Qui c'è anche la partecipazione di Edoardo (piccola card in alto a destra).

Naturalmente solo dopo averli fatti ho iniziato a documentarmi e a scoprire che ci sono comunque delle regole fisse che andrebbero rispettate.
E, anche se la prima è "divertiti a fare ciò che ti piace", io mi impegno a evitare i LO, o (nel caso in cui mi trovassi in pericolo di vita e l'unico modo per salvarmi fosse quello di farne uno) di imparare a comporre degli schemi da seguire (sketch), di dare un titolo accattivante e di scrivere un buon journaling.
Per gli accostamenti di colori mi pare di essermela cavata abbastanza quindi mi do la sufficienza, che non basta comunque ad alzare la media.

Ah, il prossimo territorio è quello dei washi tape.
Non ne ho molti perchè non mi entusiasmano troppo (anche se devo ammettere che hanno un loro perchè in certe circostanze) ma cercherò di fare qualcosa di carino. O per lo meno presentabile, dai!

(io me ne torno nella Zona di Conforto. Buon fine settimana a tutte!)

Leggi tutto...